Recensione – “Batman: Cacofonia”

Che Kevin Smith sia un grandissimo appassionato di graphic novel è cosa più che nota viste le continue citazioni ed i frequenti rimandi a questa forma d’arte onnipresenti nei suoi film. Ma pochi sanno che questo atipico regista è anche un affermato sceneggiatore di fumetti. Dopo alcune ottime prove in casa Marvel (soprattutto su Devil) e l’eccellente “Freccia Verde: Anno Uno” per la DC, Smith ed il suo amico Walt Flanagan, si mettono alla prova su un personaggio che ha segnato il loro ed il nostro immaginario per anni ed anni: Batman.

“Cacofonia” è, per loro sessa ammissione, un esercizio, una prova imperfetta in vista di un progetto più grande e complesso che i due artisti stanno sviluppando su questo personaggio (e che speriamo di vedere presto). Ciononostante questo prodotto immaturo, embrionale non è affatto né un brutto fumetto né una storia priva di interesse. A Gotham un nuovo supercriminale fa la sua comparsa; si chiama Onomatopea ed è completamente muto salvo il fatto di comunicare, appunto, tramite onomatopee. Questa nuova ed eccentrica figura sembra dare la caccia tanto ai supereroi quanto ai supercriminali della città perseguendo uno scopo misterioso. Un new entry piuttosto azzeccata che lascerà però delusi coloro che si aspettavano un exploit alla Hush; questo personaggio è infatti la parte più controversa della storia. Apparentemente il fulcro della vicenda, Onomatopea si presenta come un villain misterioso ed affascinante, che calamita l’attenzione del lettore per tutta la prima parte del racconto, salvo poi appiattirsi, sparire, eclissato da personaggi senza dubbio più “scontati”, ma infinitamente più carismatici. L’abbandono da parte della sceneggiatura di questa figura rivela l’incertezza di Smith in questo progetto, il quale sembra voler fare un passo indietro su quanto proposto, come un fan riverente, timoroso verso ogni novità all’interno della sua continuity preferita.

Sicuramente più affascinante ed appagante è la resa dei personaggi storici di questo universo narrativo: Batman ed ovviamente il Joker. Quest’ultimo è in guerra contro un vecchio criminale di Gotham, ormai da tempo sparito dalla scena mondiale: Maxie Zeus, che tenta di ritagliarsi il suo nuovo e piccolo spazio nel mondo criminale gothamita. Peccato che nel farlo abbia pestato i piedi allo psicopatico più pericoloso in circolazione. Lo spirito irriverente di Smith lo porta a dare un grande caratterizzazione al Joker, del quale non ignora gli aspetti più violenti e profondi (soprattutto nel dialogo finale con Batman), ma al quale regala delle frasi e delle gag esilaranti e graffianti nella loro implacabile crudeltà (se volete sapere la verità sul colore dei peli pubici del nostro amato criminale non vi resta che comprare questo fumetto). Di contro il suo fiero opponente, il Cavaliere Oscuro, è silenzioso, calcolatore, freddo, una vera creatura della notte. Forse l’intreccio che li lega non è dei più esplosivi, ma è funzionale e coerente e regala più di una sorpresa, soprattutto nel ruolo finale che ha il commissario Gordon che ci porta una riflessione estremamente profonda sulle molte facce della giustizia prodigandosi in una scelta quanto mai controversa.

Il vero punto debole di “Cacofonia” sono i disegni. Il tratto impreciso di Flanagan poco si sposa con l’immaginario urbano, gotico e possente degli scenari e dei personaggi batmaniani. Tuttavia, forse spinto dalle critiche mosse ai primi volumi della storia usciti in America, si reinventa nell’atto finale, attuando un cambio di stile impressionante ed encomiabile, dimostrando tutta la sua umiltà e la passione instillata nel progetto.

Forse Cacofonia non è la storia esplosiva che molti si aspettavano, ma è un fumetto di tutto rispetto, i cui difetti, seppur evidenti, sono stemperati dall’evidente passione che muove il duo di artisti e ci fa ben sperare per le loro produzioni future.

Dario Sicchio per CITTADINI PER BATMAN

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: